Qucinare - Scopri cosa bolle in pentola!


Strict Standards: Declaration of JParameter::loadSetupFile() should be compatible with JRegistry::loadSetupFile() in /web/htdocs/www.qucinare.it/home/libraries/joomla/html/parameter.php on line 512

Impariamo a degustare il caffè con Saicaf

Scritto da : in: Ingredienti
Vota questo articolo
(0 Voti)

L'arte della degustazione si apprende con pochi semplici passi, qui di seguito ne svelo i principali.

Saicaf ci ha messo a disposizione il caffè macinato qualità arabica e già quando ho aperto la confezione la sua fragranza ha inebriato tutta la cucina.

Io amo preparare il caffè con la moka classica perché adoro sentire quel fantastico scoppiettare della risalita che fa tanto mattina ore 7.30.

Torniamo a noi.

Dopo aver preparato la nostra tazzina passiamo subito all'esame visivo. Valutiamo la crema, che deve essere sottile e leggermente striata e rimane per circa 3 o 4 minuti. Il colore della crema è molto importante, solitamente va dal nocciola ad una tonalità più scura. Nel mio caso la crema ha una persistenza di circa 1 min ed un colore nocciola scuro. Questo ci fa capire  che c'è stata sovraestrazione (il tempo è stato troppo lungo o la macinatura troppo fine o la temperatura o pressione dell'acqua troppo elevate).

Analisi olfattiva.

Mescoliamo il caffè con il cucchiaino per sprigionare tutta l'aroma e assaporiamo le tonalità della tostatura e altre come nocciola e fiori di campo.

Analisi gustativa.

Con il primo sorso si valuta l'equilibrio del caffè, la corposità per intenderci,  ovvero quella sensazione di piacevole rotondità e cremosità creata in bocca dagli olii e dagli zuccheri. Una volta degludito si può avvertire in bocca la sensazione di astringenza (ovvero di rugosità e attrito fra la lingua ed il palato dovuto alla riduzione della capacità di lubrificazione della saliva a causa di sostanze tanniche e legnose nel caffè)  che non deve essere elevata in un buon espresso. Nella nostra tazzina le ritroviamo tutte.

 ed infine Analisi Retrolfattiva

Dopo l'assaggio si avverte in bocca una seconda ondata di aromi; con l'espirazione di aria dalla bocca, la percezione retronasale restituisce nuovi aromi, più decisi, come il burro, il pantostato, il cioccolato, la vaniglia, zucchero carammellato.

il caffè Saicaf risulta avere un ottimo sapore ed una giusta corposità

Letto 1472 volte
Antonietta

Giornalista, laureata in scienze politiche, si occupa di comunicazione, copywriter per siti web, addetto stampa aziendale.

Collabora con testate giornalistiche nazionali e locali, con una propensione per le lingue orientali, parla perfettamente l'inglese.

Editore responsabile della rivista Qucinare.it

Sito web: www.qucinare.it
Devi effettuare il login per inviare commenti